Ancora 4 cose sulle lenti

Ormai si avvicina il momento del primo scatto. Ancora una piccola attesa per la chiave a compasso con cui poter stringere la lente sulla piastra porta lente e poi si parte... a patto di stipare tutta l'attrezzatura in un capiente zaino.

image.jpg

La volta scorsa ho parlato degli obiettivi per il grande formato. Oggi vorrei riprendere ancora alcuni brevi concetti che ho appreso approcciandomi a questo formato e andare oltre.

Primo punto: Per poter usare una lente su un banco ottico, la lente deve poter proiettare un'immagine almeno larga quanto la misura della diagonale del frame. Questo principio è alla base del fatto che una lente costruita per una reflex full frame possa essere usata su un corpo con sensore più piccolo ma non viceversa (a meno di non ritagliare l'immagine sulla misura del sensore stesso). La diagonale di una pellicola 4x5 misura 162mm, quindi una lente per questo formato dovrà coprire un cerchio con un diametro almeno pari a 162mm che sarà la misura minima che dovrà coprire. Su un 8x10 il diametro sarà 325mm e su una 6x6 80mm.

Secondo punto: La misura del circolo dell'immagine dipende dall'angolo di copertura che viene formato da due linee immaginarie che vanno dalla lente fino al cerchio di copertura. Questo angolo è determinato dallo schema ottico della lente. I grandangoli sono disegnati per avere un ampio angolo di copertura. 

Terzo punto: Il circolo dell'immagine sarà più ampio della misura del film. I movimenti di un banco ottico permetteranno di muovere il centro dell'immagine proiettata lontano dal centro della pellicola, ma se l'area della pellicola cadrà fuori dal circolo dell'immagine, uno o più angoli sarà tagliato. Questo effetto si chiama "vignettatura" e si ha quando una parte dell'immagine non riceve l'esposizione. Un circolo di immagine più largo della misura minima permette alla lente e al piano del film di muoversi indipendentemente, si potranno così fare aggiustamenti nella profondità di campo, nella forma dell'immagine e nell'inquadratura. Per esempio un 90mm f/8 per un 4x5 potrebbe avere un angolo di copertura di 100° e che quindi produrrà un circolo di immagine di 216mm con il fuoco all'infinito (soffietto alla minima estensione). Un 150mm f/5.6 ha un angolo di copertura di soli 76°, ma ha una distanza maggiore dal piano della pellicola e quindi produrrà un circolo d'immagine di 224mm. Poiché tutti questi circoli di immagine eccedono nel 4x5 la diagonale di 162mm, tutti questi obiettivi sono ammessi, ma nessuno di esso potrebbe essere ammesso su un 8x10 in quanto il diametro minimo sarebbe 325mm.

Quarto punto: Si definisce lente "normale" quella lunghezza focale che è uguale per approssimazione alla diagonale della pellicola. Sono così obiettivi normali un 50mm nel formato 35mm, 80mm nel 6x6, 150mm nel 4x5 e 300mm nel 8x10. Una strada veloce per trovare la lente equivalente nel grande formato è quella di moltiplicare la lunghezza focale di un 35mm per 3 per ottenere l'equivalente nel 4x5 e per 6 nell'8x10. Se invece si conosce la lente nel medio formato si moltiplica per 2 nel 4x5 e per 4 nel 8x10.

Il discorso potrebbe essere ancora lungo sulle ottiche ma credo che sia bene, almeno per i nostri scopi, fermare questi quattro punti. 

All rights reserved © 2013 Domenico Pescosolido